DOCUMENTO PROGRAMMATICO DI BILANCIO

Nella giornata di martedì 19 ottobre, il Consiglio dei ministri ha approvato il “Documento programmatico di bilancio per il 2022”. Questo documento, che viene prodotto per poi essere presentato al Parlamento e alle autorità europee, ha come funzione quella di delineare gli interventi che poi verranno formalizzati nel disegno di legge di bilancio del 2022, e di dedurne i principali effetti sugli indici macroeconomici. Di fatto, sono state quantificate le misure della manovra di bilancio, che ha come obiettivo la crescita dell’economia nella fase di uscita dalla pandemia, e la riduzione del peso fiscale su famiglie e imprese.

Gli interventi principali sono i seguenti.

  • Fisco: la riduzione dal 22% al 10% dell’Iva sui prodotti assorbenti per l’igiene femminile, oltre che il rinvio al 2023 della plastic tax e suger tax.
  • Investimenti privati e imprese: rifinanziate le misure per l’internazionalizzazione delle imprese ed il fondo di garanzia per le Pmi; rimodulate le misure di transazione 4.0. Prorogati gli incentivi per gli investimenti privati.
  • Investimenti pubblici: stanziamenti per le Olimpiadi di Milano-Cortina, per il Giubileo di Roma; stanziamenti aggiuntivi per le amministrazioni centrali e locali, dal 2022 al 2036.
  • Sanità: aumentato il Fondo Sanitario Nazionale di 2 miliardi, per ogni anno sino al 2024; nuove risorse destinate ai farmaci innovativi ed ai farmaci (e vaccini) per arginare la pandemia da COVID-19.
  • Scuola, ricerca e Università: aumento nei finanziamenti alle Università, creazione di un fondo (nuovo) per la ricerca applicata; le borse di studio per gli specializzandi in medicina diventano (in modo permanente) 12.000 ogni anno; prorogati fino a giugno i contratti a tempo determinato stipulati dagli insegnanti durante l’emergenza da Covid-19.
  • Regioni ed enti locali: incremento del fondo per il Trasporto Pubblico Locale; aumento delle risorse per asili nido e manutenzione alla viabilità provinciale.
  • Politiche sociali: per quanto riguarda il Reddito di cittadinanza, il livello di spesa rimane pari a quello del 2021, ma vengono introdotte delle novità (correttivi) circa le modalità di assegnazione, oltre al potenziamento dei controlli; il congedo di paternità di 10 giorni diventa strutturale, si attua la riforma degli ammortizzatori sociali e, per quanto riguarda le pensioni, si prevedono interventi per assicurare un equilibrato passaggio verso il regime ordinario.

L.P.C.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...